Spiderman Homecoming: Primo Trailer

Come preannunciato nel nostro articolo precedente, oggi è finalmente possibile vedere il lavoro dei Marvel Studios e di Sony congiunti nella realizzazione di Spiderman Homecoming.

Vediamo cosa possiamo intuire dal trailer:

  • L’ambientazione (fumettistica) è un miscuglio fra l’Ultimate Spiderman di Miles Morales e quello di Peter Parker: per quel poco che si vede Peter ha un amico grassottello, esattamente come Miles nella sua testata, e frequenta le superiori (come i due Ultimate Spiderman)
  • L’Avvoltoio è presentato come un pilota iper-futuristico, scelta che appoggio dato che era impensabile portare un vecchietto in calzamaglia verde sul grande schermo
  • L’assenza di Mary Jane: ancora una volta Mary Jane latita o è la chicca finale del film, oppure per scelte stilistiche è stata completamente rimossa dalla vita dell’Arrampicamuri
  • Le ragnatele nel costume: per la primissima volta al cinema vediamo le ragnatele sotto le braccia del costume, sicuramente una miglioria portata dal “Genio, Milionario, Playboy e Filantropo” che risponde al nome di Tony Stark, dato che era previsto già nel post-crediti di Civil War che Tony avesse novità per Spidey: nell’ologramma infatti era presente la scritta “Fai un salto alla Torre, ho qualche novità che dovresti vedere“, notizia di cui abbiamo discusso durante la puntata Multiverso di Radio Brea
  • L’umorismo e l’agilità di Spiderman: in apertura si vede una scena in cui Spidey lotta con dei rapinatori mascherati da Avengers dicendo “Come va ragazzi? Ehi aspettate un momento, voi non siete i veri Avengers! [Ve lo dico, quell’Hulk non mi convince!] (What’s up guys? Wait a minute, you guys aren’t the real Avengers! I can tell. Hulk gives it away)” per poi partire all’attacco mostrando tutte le abilità del Ragno, come la sua forza e l’agilità fuori dal normale

Le mie aspettative per il film sono altalenanti a dire il vero, lo aspetto con ansia ma allo stesso tempo la scoperta del miscuglio degli archi narrativi mi hanno un po’ raggelato facendomi perdere la ‘sicurezza’ della storia in questione. Questo, però, è un punto a due facce, nel senso che sì c’è incertezza ma anche sorpresa dato che chi conosce buona parte della storia di Spiderman può assistere a qualcosa di relativamente nuovo.

Il film è co-diretto dai Marvel Studios, che ultimamente è sinonimo di qualità e garanzia nei cinecomics, quindi non ci resta che aspettare l’uscita della pellicola nelle sale cinematografiche dato che, purtroppo, l’ultima avventura di Spiderman su grande schermo si poteva riassumere nel trailer che era magnifico ma il prodotto finale è risultato noioso e mal strutturato.

Seguimi su

Luca Carbone

Nato nel 1991 appassionato Marvel dal '96, ha conosciuto Tolkien con i film di Peter Jackson e in seguito si è recuperato anche i libri.
Attualmente Grafico e Articolista qui su Radio Brea.
Seguimi su

Luca Carbone

Nato nel 1991 appassionato Marvel dal ’96, ha conosciuto Tolkien con i film di Peter Jackson e in seguito si è recuperato anche i libri.
Attualmente Grafico e Articolista qui su Radio Brea.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: