La Principessa Leia ci ha lasciato

Carrie Fisher è mancata stasera lasciando attoniti milioni d fan di Star Wars e non solo.
Non starò qui a ripercorrere le tappe di quel che è successo a partire dal 24 dicembre fino alle poche telegrafiche parole di Billie Lourd (figlia di Carrie), ma di quello che ha significato Carrie per almeno un paio di generazioni di fans.

È strano, col senno di poi, ricordare come solo un anno fa la Fisher era tornata alle attenzioni dei media circa il suo ritorno nell’ultimo episodio di Star Wars con le annesse, quanto puerili critiche, naturalmente per la maggior parte idiot-social, sulla sua forma fisica nei panni di una Principessa Leia evidentemente “appesantita” dagli anni.

Con il suo solito savoir faire aveva magistralmente affossato i criticoni anche grazie all’apporto e all’affetto di coloro che sono cresciuti ricordandola non solo per il mini-costumino da schiava ne Il Ritorno dello Jedi, ma perché rappresentava una generazione cresciuta a pane e ribellione.

Questa era Carrie, una piccola predestinata, figlia di due star hollywoodiane, il cantante Eddie Fisher e la straordinaria Debbie Raynolds. Motivo che però le aveva fatto sentire l’eccessivo peso di dover diventare, a tutti costi una star come i genitori.

Il successo planetario di Guerre Stellari e Blues Brothers (ricordate la mitica scena dove Jake giustificava il fatto di averla lasciata sull’altare con improbabili scuse?) l’avevano, a caro prezzo, consegnata alla leggenda.

Per chi vuole conoscerla meglio consiglio il suo libro semi-biografico Cartoline dall’Inferno, o se preferite l’omonimo film di Mike Nichols del 1991 da cui è tratto.
Rimangono nell’immaginario due sue nerd-apparizioni, Jay e Silent Bob, Fermate Hollywood (con Mark Hamill) e Fanboys.

Tutti abbiamo avuto un tuffo al cuore quando il cast originale aveva ripreso il proprio posto nel settimo episodio della saga stellare più amata, così come tutti abbiamo avuto un moto di emozione alla fine del recentissimo Rogue One – A Star Wars Story.

Di sicuro, alla notizia della scomparsa di Carrie abbiamo tutti sentito, per citare il vecchio Ben Kenobi, una perturbazione nella Forza.

Addio Carrie, che la Forza sia con te, sempre…

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: